lunedì 18 maggio 2009

I dialoghi sulla Città Metropolitana


Dopo il grande interesse suscitato qualche settimana addietro con l’incontro “Urbanistica e legalità” ospitando il Giudice Gratteri, il Corso di Laurea in Urbanistica ancora una volta si apre alla città; questa volta con un’innovativa forma di dialogo: “I dialoghi sulla Città Metropolitana”.


Dialoghi città metropolitana



La Città Metropolitana, questo è il tema di grande attualità in città, recepito anche dal Corso di Laurea in Urbanistica, su questi temi senza dubbio primo interlocutore disciplinare, che ha pensato addirittura di dedicare a questo tema le tesi ed i lavori scientifici dei prossimi tre anni.
Reggio città metropolitana:una scommessa vinta e sulla quale c’è ancora tanto da scommettere; ricerca e riflessione per il raggiungimento di un obiettivo che è alla base di un nuovo assetto metropolitano.

E’ questo lo scopo dei “Dialoghi sulla città Metropolitana”, cercare un’ intesa con le varie gerarchie istituzionali al fine di mettere al servizio del territorio competenze e ricerca allo scopo di attivare e generare progetti e risorse che portino alla competitività della città e del suo territorio.

“Dialoghi” ovvero “tavoli progettuali”, riflettori e focalizzatori di idee; «metodo di lavoro per costruire la città metropolitana», così afferma il prof. Enrico Costa.
Dal
sindaco Scopelliti che vede in «Reggio città metropolitana un’occasione per il suo sviluppo,che va aldilà dell’area strettamente interessata, ancora di più se in questo grande progetto verrà coinvolta Messina e il suo hinterland», al presidente Bova che ne vede «la grande opportunità che abbiamo conquistato con il rischio e l’audacia», la visione è un’anime, un’immagine positiva che non guarda al colore politico, ma al bene della sua città e del suo territorio, sottolineando come il dialogo sia il modo giusto di approcciarsi ad un evento così importante, ma che senza la giusta compartecipazione di forze possa essere un’occasione sprecata o non ampiamente sfruttata.


Una città che si avvia a diventare metropolitana non può prescindere dalla sua rete di comunicazione, altro tema al centro dell’attenzione che l’On. Naccari illustra nella sua positività e negatività esortando tutti ad un lavoro concreto ed unanime al fine di giungere ad una rete completa e funzionale degna di una città che debba fregiarsi del titolo di metropolitana,ovvero: «il primo passo per un percorso di condivisione e impegno da concretizzare attraverso il sistema di trasporto integrato nell’area dello Stretto».


Ultima, a chiusura di una giornata densa e piena la tavola rotonda, che con i suoi relatori, dall’ex Rettore e Ministro dei Trasporti Bianchi, al Rettore Giovannini, ai direttori di dipartimento dibatte sul significato di area metropolitana dal concetto alle opportunità, tutti convinti che la Città metropolitana può avere un senso solo nel più ampio contesto di un’Area integrata dello Stretto, in cui Reggio e Messina divengano un’unica realtà.
_________________________________________________________
8 giugno, aggiornamento:

Il “Dossier sulla Città metropolitana” presentato e distribuito nel corso del Convegno “Dialoghi su Reggio Calabria Città Metropolitana” del 12 maggio 2009 svoltosi nella aula magna “Falcomatà” della facoltà di Ingegneria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, raccoglie l’esperienza e la testimonianza di alcuni docenti ed esperti del settore.

Dossier sulla Città Metropolitana
Il convegno, ideato, voluto e organizzato dal Corso di Laurea in Urbanistica, è stato concepito non come una esibizione di saperi, non una passerella di politici, non un convegno né una conferenza di stampo tradizionale ma, visto che tutto è partito ed è stato possibile grazie ad un inedito clima di “dialogo”, un “contenitore di dialoghi” fra Università ed Istituzioni, Professori, Politici ed Amministratori sulla portata politico-istituzionale ed economico-sociale di questo evento. È stato un momento di confronto rigoroso e concreto sulle prospettive e sugli scenari possibili.
I contributi raccolti nel Dossier (che può essere scaricato nella sua versione integrale), curato da Antonio Maria Leone, vanno dalla presentazione dell’Emendamento – viene riportato uno stralcio della legge n.42 del 5 maggio 2009 “Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell’articolo 119 della Costituzione” – agli aspetti procedurali, dalle politiche comunitarie alle strategie e nuova pianificazione per la Città Metropolitana. Inoltre è stato inserito un glossario che, lungi dal pretendere di essere esaustivo, mira a fornire sintetiche definizioni di termini e concetti utili ad una maggiore comprensione del tema “città metropolitana”.
Al di là dei facili entusiasmi, legittimi ma da frenare, la Città metropolitana è semplicemente un nuovo Ente territoriale che avrà poteri e funzioni proprie (quelle della provincia e molte di quelle dei comuni). In effetti, poiché è un Ente che concretamente e realmente non esiste – e non esisterà fin quando le città metropolitane non saranno create con consigli, giunte e sindaci – gli unici che hanno studiato cos’è e come funziona un’area metropolitana sono gli urbanisti, i geografi, ecc.
Ultimo passaggio da segnalare è che il corso di laurea in Urbanistica centrato sul territorio dell’Università Mediterranea, compie il primo passo verso l’impegno di dedicarsi nei prossimi tre anni – nell’attività didattica e nelle Tesi di laurea – alla Città Metropolitana di Reggio Calabria, e di accompagnarne scientificamente il processo di costruzione “regalando” alla comunità metropolitana un patrimonio di idee progettuali caratterizzato dall’entusiasmo dei giovani, dalla freschezza delle loro idee e proposte, supportato dai saperi innovativi di un corpo docente di prim’ordine, molto consapevole ed altrettanto entusiasta.
Auspichiamo che il Dossier venga implementato attraverso “riflessioni altre” che possono/devono provenire dal mondo accademico, politico, culturale, istituzionale, ecc.

Per tali motivazioni la rubrica
“Urbanistica” & Città Metropolitana su Newz.it è aperta ai commenti e ai suggerimenti che tutti i lettori possono inviare.

Nessun commento:

Posta un commento

É consigliato inserire la firma.
I commenti sono moderati, perciò non immediatamente visibili.